Prossimi eventi: EIMA International /6-10 novembre 2024

Prossimi eventi: EIMA International /6-10 novembre 2024

4 Marzo 2023

Panguaneta e Kiwitron: la sicurezza nel plywood

Casi studio

Kiwitron per Panguaneta - Sicurezza industriale

La gestione della sicurezza negli stabilimenti produttivi è un argomento attuale di grande rilevanza per le aziende, in un’ottica di miglioramento continuo e responsabilizzazione.

Abbiamo avuto l’occasione di parlare con Paolo Malatesta, ingegnere del reparto Impianti e manutenzione di Panguaneta S.p.a. L’azienda, eccellenza italiana per la produzione di plywood – il pannello di compensato o multistrato – ha adottato di recente le soluzioni Kiwitron in supporto alla sicurezza.

Il risultato, secondo l’ing. Malatesta, è indiscutibile.

 

Cosa vi ha spinto a integrare le soluzioni Kiwitron sui carrelli di proprietà Panguaneta?

 

La nostra prima esigenza riguardava la sicurezza.

I nostri mezzi movimentano merci e carichi potenzialmente pericolosi a ritmi elevati. Contemporaneamente, nello stabilimento circolano altri mezzi, persone, biciclette: avevamo l’urgenza di risolvere il problema della sicurezza della nostra viabilità interna e mantenere lo stesso livello di produttività.

 

E come mai vi siete rivolti a Kiwitron? Come ci avete conosciuto?

 

Ci siamo trovati a dover sostituire alcuni muletti a fine vita. Abbiamo individuato per il nuovo acquisto dei carrelli Caterpillar, su cui in seguito avremmo dovuto applicare dei dispositivi per aumentare la sicurezza.

È stata la stessa CAT a indicarci le vostre soluzioni, in base alle nostre necessità. Infatti, avevamo l’esigenza che il sistema di ausilio alla sicurezza si adattasse a tutte le diverse marche del nostro parco macchine.

 

Quali soluzioni avete installato? Potete dirvi soddisfatti?

 

L’obiettivo è stato raggiunto: con l’installazione dei vostri sistemi di rilevamento KiwiEye su otto dei nostri carrelli e su due pale, è stato possibile implementare il rallentamento automatico solo in caso di rilevamento di mezzi e persone, aumentare la visibilità del conducente e risolvere il problema dei punti ciechi.

A fronte di nessun calo della produttività! Possiamo dirci del tutto soddisfatti.

 

Entrando nello specifico, come organizzate la movimentazione in Panguaneta?

 

Panguaneta è un’azienda leader nel settore del plywood, il pannello di legno compensato e multistrato.

Storicamente e per la natura del nostro territorio, siamo molto legati al pioppo, di cui sono fatti la maggior parte dei nostri sfogliati, che compongono i pannelli. L’attività di produzione del pannello passa per le fasi di composizione, pressatura, squadratura, levigatura e stoccaggio.

La movimentazione all’interno dell’azienda, soprattutto nelle zone dove abbiamo applicato il sensore ottico con intelligenza artificiale KiwiEye, riguarda i trasferimenti a bordo linea di bancali di sfogliato.

Qui inizia il processo di realizzazione del pannello. Si tratta di movimentazione di carichi pesanti.

D’altra parte, utilizziamo i mezzi equipaggiati con KiwiEye anche sul piazzale dello stabilimento produttivo, quindi all’aperto. Qui vengono scaricati i tronchi dai camion, allineati e portati con le pale all’alimentazione delle linee.

Gli spazi esterni sono ampi, ma i gravi di cui vengono caricati i mezzi sono pericolosi. La magnitudo di un impatto, se questo si dovesse verificare, sarebbe senza dubbio molto elevata.

 

I flussi dei carrelli, invece, come sono gestiti?

 

A ogni reparto vengono attribuiti e affidati in gestione carrelli diversi. Per fermi macchina imprevisti ed eventuali manutenzioni, straordinarie o programmate, abbiamo a disposizione anche alcuni carrelli “jolly”. I ritmi elevati di produzione ci spingono a usare appieno le nostre risorse.

 

E per rispondere alle vostre esigenze, quali integrazioni tra prodotti Kiwitron avete adottato?

 

I KiwiEye sono muniti di schermo per garantire piena visibilità all’autista nell’area di manovra, e sono collegati al datalogger della gamma Key.

L’integrazione con il datalogger si sta rivelando particolarmente utile per la fruibilità dei dati di nostro interesse.

In particolare, a causa dei turni di lavoro continui e serrati, il datalogger Key è diventato uno strumento prezioso per il monitoraggio della storia dei carrelli e per l’analisi dei danni, possibile grazie alla registrazione degli urti.

La visualizzazione sul gestionale del danno ci aiuta a capire come e quando si è generato un evento, ed  eventualmente a intervenire con una manutenzione ad hoc.

La storia del carrello a lavoro diventa ora tracciabile. Questo consente di formulare procedure per definire lo stato della macchina a ogni passaggio di consegne tra gli operatori, un po ‘come avviene per i noleggi.

 

In futuro, pensate di implementare ulteriormente l’uso dei dati?

 

Certamente. I dati non servono solo a monitorare le attività dell’azienda, ma anche – e questo ci sta ancora più a cuore – a creare una certa cultura aziendale, basata su responsabilità e sicurezza condivise, sulla consapevolezza dell’interconnessione delle operazioni e sulla cooperazione.

Non si tratta di usare i dati a fini di micromanagement, al contrario: è inevitabile incorrere ogni tanto in danni o incidenti, mentre è fondamentale capire nel dettaglio come sia successo per aumentare costantemente il livello di prevenzione.

Dagli errori si può imparare e i dati possono essere indicatori fondamentali per l’apprendimento. Se la prevenzione è integrata nella vita aziendale, anche le operazioni possono giovarne: l’aumento della produttività in tutta sicurezza è tra i nostri obiettivi futuri.

Leggi le altre notizie casi studio

Casi studio

Alberto Riva, COO di RIVA – Carrelli Elevatori e Sistemi per la Logistica, ci parla di come è nato l’interesse della sua azienda verso Kiwitron

17 Aprile, 2024

Casi studio

Cogne Acciai Speciali, una realtà così ricca di lavoratori, mezzi in movimento e struttura che ha standard altissimi per quanto riguarda la sicurezza.

23 Gennaio, 2024

Casi studio

Il 24 novembre 2023 a Rodengo, in provincia di Bolzano, si è tenuto il Safety Day, iniziativa a cura di Profiservice, Concessionario CGM Cat®Lift Trucks…

29 Novembre, 2023

Casi studio

Francesco Marella, Head of HSE in Mitsubishi Electric, ci racconta l’esperienza coi dispositivi Kiwitron per la mitigazione dei rischi da incidente

27 Ottobre, 2023