Prossimi eventi: EIMA International /6-10 novembre 2024

Prossimi eventi: EIMA International /6-10 novembre 2024

25 Gennaio 2023

Cos’è il DVR, perché è obbligatorio e quando serve aggiornarlo

Magazine

cos'è DVR - Documento valutazione dei rischi

Il DVRDocumento di Valutazione dei Rischi – è un compendio e report valutativo di tutti i rischi a cui sono esposti i lavoratori di un’azienda. Il contenuto deve essere tarato sul contesto di ciascuna realtà lavorativa e la responsabilità della sua correttezza ed esaustività ricade unicamente sul datore di lavoro. Il DVR è un documento obbligatorio per legge, secondo quanto prescritto dagli artt. 17 e 28 del Testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

Chi ha l’obbligo di redigere il DVR? E ogni quanto occorre aggiornarlo?

Qui di seguito passiamo in rassegna tutto ciò che serve sapere su questo riferimento fondamentale per la sicurezza in azienda. E aggiungiamo qualche consiglio.

 

DVR: chi lo redige e cosa contiene

Il Documento di valutazione dei rischi è un testo la cui compilazione è stata resa obbligatoria dalla legislatura italiana nel 1994. Il suo scopo è quello di attestare la presa in carico da parte del datore di lavoro della sicurezza e della salute dei dipendenti, sulla base di una valutazione attenta dei rischi legati all’attività. L’onere di quest’ultimo sarà quindi quello di indicare nel DVR, e successivamente garantire l’applicazione, di misure appositamente studiate per mitigare i rischi in questione.

È quindi obbligo del datore di lavoro la redazione, la firma e l’invio del documento entro 90 giorni dalla data di inizio attività. In termini legali, fa fede la data di “autopresentazione” agli uffici postali, di invio tramite posta elettronica certificata o la marca temporale sul documento digitale.

Tuttavia, il datore di lavoro non è l’unico attore coinvolto nella stesura del documento.

Il Medico competente e l’RSPP aziendale (Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione) possono affiancare il datore di lavoro nell’individuazione di potenziali pericoli e misure di intervento così come nella fase di scrittura.

Inoltre, il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) deve essere consultato nella fase di valutazione dei rischi e deve prendere visione della forma finale del testo.

Di seguito, i contenuti obbligatori del DVR:

  • una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa. La scelta dei criteri di redazione del documento è rimessa al datore di lavoro;
  • l’indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati;
  • il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza;
  • l’individuazione delle procedure per l’attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell’organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri;
  • l’indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio;
  • l’individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento.

 

Una copia del DVR deve essere custodita in ogni unità produttiva dell’azienda, in formato cartaceo e/o digitale, a disposizione del Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza.

Inoltre, benché non esistano termini fissi per l’aggiornamento del documento, è necessario revisionarlo prontamente nelle seguenti occasioni:

  • cambiamenti nei processi produttivi o modifiche ai flussi di lavoro che ingenerino nuovi rischi;
  • infortuni o near miss che evidenzino rischi o inadeguatezza delle misure di sicurezza attuate;
  • cambiamenti all’interno dell’organigramma in ambito sicurezza (RSPP, Medico competente…);
  • evoluzioni nella normativa di riferimento che impongano modifiche;
  • cambio sede o apertura di una sede distaccata.

 

Come avviene la valutazione dei rischi

La valutazione deve seguire criteri definiti e specificati nel DVR. Per alcuni tipi di rischio esistono metodi “normati” e contenuti nel D.Lgs.81/08.

Tuttavia, ciascuna azienda può incorrere in tipologie di rischio strettamente legate al contesto della singola impresa. Per questo, è necessario ricorrere a criteri di valutazione qualitativi o semi-qualitativi, come la matrice di rischio.

La legge consente, tuttavia, un ampio grado di libertà nell’identificazione del metodo più corretto. Per questo, per chi si occupa di sicurezza, è utile prendere in considerazione strumenti innovativi, che aiutino a stimare con esattezza la magnitudo del rischio nei diversi ambienti aziendali.

 

Gli strumenti Kiwitron

Kiwitron fornisce soluzioni tecnologiche appositamente studiate per la riduzione del rischio di incidente con protagonisti i veicoli industriali.

Inoltre, predispone i software e gli strumenti di analisi necessari per una reportistica di incidenti e near miss automatizzata e intelligente. Leggere i dati sulla sicurezza in azienda e valutare le aree a più elevato rischio di collisione diventa una questione semplice, improntata da metriche oggettive.

Vuoi saperne di più? Contatta il nostro team, sapremo consigliare la soluzione più adatta al tuo business.

Leggi le altre notizie magazine

Magazine

Sono stati pubblicati i bandi delle regioni per accedere ai fondi destinati alla meccanizzazione agricola nel quadro del PNRR. Scopri come Kiwitron può aiutarti

4 Aprile, 2024

Magazine

Ecco i nuovi dati Inali sugli incidenti sul lavoro del 2023. Scopri le tecnologie che aiutano a mitigare il rischio per ridurli

7 Marzo, 2024

Magazine

La bicicletta è protagonista della strada dalla metà del XIX secolo, quando Ernest Michaux montò per la prima volta i pedali sul telaio di…

29 Novembre, 2023

Magazine

L’ansia è un’ospite indesiderata della vita adulta – come intelligentemente suggerisce il film della Pixar Inside Out 2, in uscita il prossimo anno. Una…

27 Novembre, 2023